1974 (?) - Trem do Corcovado

Winterthur
Rispondi
Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3286
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
1974 (?) - Trem do Corcovado

Messaggio da ABFe 6/6 » 04/06/2014, 20:38

«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)

Avatar utente
Bremen
Messaggi: 6655
Iscritto il: 14/11/2009, 14:00
Località: Milano
Contatta:
Re: 1974 (?) - Trem do Corcovado

Messaggio da Bremen » 23/11/2014, 20:15

Sembra siano imparentate in qualche modo con le Gornergrat ed in effetti assomigliano moltissimo ai Bhe 4/8 del 65 e 74.

http://vfco.brazilia.jor.br/Trem-Turist ... veri.shtml

Alla fine della pagina, quotati ed info tratti dal volantino originale della SLM : Builder :
You and us, or I and them
There comes a time to take a stand
The wheel is watching all, it keeps on burnin

Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3286
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
Re: 1974 (?) - Trem do Corcovado

Messaggio da ABFe 6/6 » 29/10/2016, 12:47

«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)

Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3286
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
Re: 1974 (?) - Trem do Corcovado

Messaggio da ABFe 6/6 » 28/04/2019, 9:26

Partiti: https://www.facebook.com/photo.php?fbid ... =3&theater

Volendo si fa ancora in tempo a sorpassarli, in aereo...

Vale comunque la pena (ri)citare O Globo:
Não haverá ar condicionado. Durante os meses quentes de verão, todas as janelas laterais podem ser abertas para a circulação de ar, porque os turistas querem tirar fotos (como é hoje)
https://oglobo.globo.com/rio/concession ... o-21487493

Ci si chiede perché ciò che è possibile nel caldo Brasile non lo debba essere sulle fresche Alpi...
«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)


Rispondi