Maltempo

Sezione dedicata alla Ex Ferrovia della valle Maggia
Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3485
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
Re: Maltempo

Messaggio da ABFe 6/6 » 02/07/2024, 23:47

«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)

Avatar utente
Bremen
Messaggi: 7055
Iscritto il: 14/11/2009, 14:00
Località: Milano
Contatta:
Re: Maltempo

Messaggio da Bremen » 03/07/2024, 21:30

Capisco che la struttura non sia più quella di un tempo, ma dire che "regge" 3.5t quando un tempo bastava una sola elettromotrice per arrivare a 30t...
https://www.tio.ch/ticino/attualita/176 ... a-visletto

Ovviamente più di un articolo la cita come "passerella pedonale" senza mai citare che era un ponte di una ferrovia.
Tentativo di sopprimere la storia?
Nella statistica fino al 1882 citata da G. Bellini ne Le strade del Canton Ticino, per la strada Locarno-Peccia, costruita negli anni 1816-1820, viene menzionato un ponte a tre archi da 24 m.
: Thumbup : Ho controllato sul libro della ferrovia e riporta le stesse date. Per cui poteva avere quasi 200 anni. Di sicuro è stato modificato con quelle specie di "finestre" sul lato della muratura. Nelle foto più vecchie di qualche decina d'anni non ci sono.
You and us, or I and them
There comes a time to take a stand
The wheel is watching all, it keeps on burnin

Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3485
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
Re: Maltempo

Messaggio da ABFe 6/6 » 03/07/2024, 22:53

Non ci sono mai (ancora) passato in bici, ma se hanno fatto come a Ponte Brolla sul ponte c'è un impalcato in legno che non sembra necessariamente dimensionato per portare veicoli di un certo peso: https://www.officineghidoni.ch/progetti ... aggia-2016 (tra l'altro, le date)
«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)


Rispondi