1951 - Maschinenfabrik Rüti - H 2/2

Winterthur
Rispondi
Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3469
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
1951 - Maschinenfabrik Rüti - H 2/2

Messaggio da ABFe 6/6 » 19/02/2014, 22:01

Locomotiva di fabbrica costruita nel 1951 per la Maschinenfabrik Rüti per il servizio sul raccordo tra la stazione e la fabbrica. Ceduta nel 1997 all'Eurovapor Sulgen; attualmente in servizio sulla ferrovia Rorschach-Heiden (RHB, con l'H maiuscola : Chessygrin : ).

http://www.lokremise-sulgen.ch/fzg/rosa ... ntro.shtml

Immagine

Immagine

https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:RHB_H_2/2_3
«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)

Avatar utente
Bremen
Messaggi: 7032
Iscritto il: 14/11/2009, 14:00
Località: Milano
Contatta:
Re: 1951 - Maschinenfabrik Rüti - H 2/2

Messaggio da Bremen » 23/02/2014, 18:41

Essendo del 1951 dovrebbe essere una delle ultimisissime vaporiere prodotte dalla SLM.
Giusto?

Ha un che di "cremagliera" ed assomiglia alle HG3/4 modificate della Furka.
Anche alla SLM piaceva riciclare i progetti : Builder :
You and us, or I and them
There comes a time to take a stand
The wheel is watching all, it keeps on burnin

Avatar utente
ABFe 6/6
Messaggi: 3469
Iscritto il: 25/11/2009, 19:53
Re: 1951 - Maschinenfabrik Rüti - H 2/2

Messaggio da ABFe 6/6 » 23/02/2014, 23:11

Sul sito dei proprietari dicono che è stata l'ultima locomotiva a vapore industriale costruita dalla SLM: http://www.lokremise-sulgen.ch/fzg/rosa ... tory.shtml

Qualche immagine in pressione e in linea:
http://www.railpictures.net/viewphoto.php?id=347619
http://www.railpictures.net/viewphoto.php?id=347618
http://www.railpictures.net/viewphoto.php?id=347694

OT: alcune immagini delle macchine a vapore originali della RHB: http://www.drehscheibe-foren.de/foren/r ... sg-6273128
«Anche questo era perduto: la corsa tranquilla di un trenino azzurro che si ferma alla povertà delle stazioni di legno dipinto, al piazzale vuoto dove scende la donna con la sporta delle spese» (P. Martini, Requiem per zia Domenica)


Rispondi